The Healthy URBan Environment Developing Higher Education  in Architecture and Construction in Bosnia and Herzegovina - HURBE -  is a CBHE project, co-funded by the Erasmus plus programme of the EU Union (2018-2021). The coordinators of each Universities are: Francesca Giofrè (lead coordinator), Sapienza University of Rome, Faculty of Architecture, Department Architecture and Design; Vesna Mikić, University of Zagreb, Faculty of Architecture; Milena Tasheva-Petrova, University of Architecture, Civil Engineering and Geodesy; Maja Popovac, Dzemal Bijedic University of Mostar; Senaida Halilović-Terzić, University of Sarajevo; Samir Lemeš, University of Zenica. HURBE Course is one of the product of the project. The topic is Healthy URBan Environment. The Course of 1 ECTS open to all students. 

This space is now used to manege the project's activities online.

La formazione dei lavoratori costituisce una delle misure generali di tutela previste dal D.Lgs. 81/08, al pari della messa a disposizione dei dispositivi di protezioni individuale, della valutazione dei rischi, del controllo sanitario, etc.

La formazione generale per la sicurezza si distingue in funzione dei tre ruoli fondamentali individuati dalla normativa (lavoratori, preposti, dirigenti), e in relazione all'entità del rischio stimato nel luogo di lavoro sulla base della classificazione tecnico-economica della attività produttiva Ateco.

L'unica figura per la quale la legislazione non prevede una specifica formazione è il Datore di Lavoro (a meno che non svolga direttamente - come nel caso di piccole imprese - il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione).

Ciò è molto significativo alla luce della Giurisprudenza. Non si intende con tale scelta intendere che il Datore di Lavoro  non ha responsabilità. Bensì, al contrario, che il Legislatore considera il Datore di Lavoro l'unica figura dell'organizzazione che conosce più di chiunque i processi lavorativi, e quindi - per così dire - non può ricevere formazione da alcuno.

Viceversa, per tutte le altre figure la formazione e il rilascio dei relativi attestati e crediti formativi (permanenti, o suscettibili di rinnovo periodico) rappresenta una patente per lavorare in sicurezza. E come ben sappiamo, chi consegue la patente, ad esempio per guidare, è responsabile del suo operato, per se stesso e per gli altri. 

La formazione dei Lavoratori e dei Preposti si suddivide in Formazione generale (4 ore per tutti) e in Formazione specifica (4, 8 o 12 ore a seconda del livello di rischio: basso, medio o alto).

La formazione generale e la formazione specifica si può svolgere con modalità e-learning fino al rischio basso.

La formazione specifica per rischio medio e per rischio alto prevede la modalità didattica in presenza, ancorché, alla luce del nuovo rischio Covid 19, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali precisi che, in considerazione della situazione eccezionale, caratterizzata dalle misure di contenimento volte a evitare e prevenire il contagio da COVID-19, in coerenza con il principio introdotto dall'articolo 103, comma 2, del Decreto-legge n. 18 del 2020, la mancata effettuazione dell'aggiornamento non preclude lo svolgimento dell'attività lavorativa. Fermo restando, naturalmente, l'obbligo di completare l'aggiornamento immediatamente dopo la fase emergenziale.

Inoltre, "al fine di contemperare l'esigenza del contenimento delle attività con il necessario aggiornamento delle competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, si ritiene ammissibile, in via temporanea, lo svolgimento delle attività formative in videoconferenza esclusivamente con modalità sincrona, ad esclusione della parte pratica dei corsi, in modo da garantire la verifica delle presenze dei soggetti da formare e la piena interazione tra questi ultimi e i docenti".

Per quanto riguarda la formazione dei Dirigenti, essa si articola invariabilmente in 4 moduli (Normativa, Valutazione dei Rischi, Gestione, Comunicazione) per una durata complessiva di 16 ore.

Per tutte le figure è previsto un aggiornamento quinquennale (tranne per la formazione generale di Lavoratori e Preposti che costituisce credito formativo permanente).

I Docenti, i Programmi e le Strutture organizzative di tutti i Corsi sulla Sicurezza devono rispondere a ben definiti requisiti di legge.

Il corso, ai sensi del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. correttivo D.Lgs n 106/2009 e dell'Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 e del Decreto interministeriale del 6 marzo 2013 sui criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro, ha l'obbiettivo di fornire le conoscenze, le competenze e gli strumenti necessari per progettare ed erogare percorsi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nei diversi contesti produttivi e relazionali.

Il corso è suddiviso in 9 Moduli didattici. Ciascun modulo si compone di 2 elementi distinti:
- Le lezioni a cura dei docenti.
- Il test di verifica intermedio di autovalutazione che è necessario superare con l'80% di risposte esatte.

Al termine di ciascun modulo c'è da sostenere e superare con l'80% di risposte esatte un test intermedio. Il discente ha a disposizione 3 tentativi per superare il test, in caso di mancato raggiungimento della sufficienza nei tre tentativi previsti, il corsista dovrà rivedere le lezioni dall'inizio.

Il test di verifica dell'apprendimento finale presenta le seguenti caratteristiche:
- Le domande sono somministrate in modalità random per ogni diverso accesso;
- In caso di mancato superamento del test di verifica dell'apprendimento è prevista la possibilità di ripetere il test con domande diverse da quelle già proposte.

Il discente dovrà concludere il percorso formativo, secondo le modalità indicate, entro e non oltre 6 mesi dalla data di rilascio delle credenziali di accesso.

Il corso in Gestione della Manutenzione - GeMan propone un percorso finalizzato alla qualificazione delle figure professionali previste dalla norma UNI EN 15628:2014 "Qualificazione del Personale di Manutenzione", Tecnico specialista di manutenzione, Ingegnere di manutenzione, Responsabile di manutenzione.

Le iscrizioni sono aperte fino al 15 maggio 2020 (prorogato al 5 giugno 2020) e le lezioni si terranno 1 giorno a settimana, secondo il seguente calendario, per un totale di 40 ore:
- 10 giugno 2020, ore 09.00 - 18.00, Modulo 1: Affidabilità dei sistemi
- 24 giugno 2020, ore 09.00 - 18.00, Modulo 2: Politiche e strategie di manutenzione
- 8 luglio 2020, ore 09.00 - 18,00, Modulo 3: Piani di manutenzione
- 22 luglio 2020, ore 09.00 - ore 18.00, Modulo 4: Diagnostica e metodi avanzati di manutenzione
- 16 settembre 2020, ore 09.00 - ore 18.00, Modulo 5: Gestione economica e contrattualistica di manutenzione.

Il corso prevede l'elaborazione di un project work assegnato durante le lezioni e oggetto di presentazione e di valutazione nell'ultima giornata.

Nel corso sono fornite un’ampia panoramica delle nozioni tecnico-scientifiche, delle tecnologie e delle normative che sono alla base di una corretta progettazione e gestione della manutenzione, prendendo in considerazione anche esperienze internazionali.

Obiettivi formativi prevalenti sono la gestione dei cespiti di manutenzione al minor costo possibile e la tutela delle responsabilità legali aziendali e personali.

Particolare attenzione viene dedicata alle esperienze di campo, anche grazie alla trattazione di numerosi casi di studio presentati da responsabili ed esperti dei settori Industriale, delle Infrastrutture, della Sanità, della P.A., degli Impianti Tecnici, etc.


Questo corso raccoglie lezioni, documenti e schede per la formazione iniziale degli psicologi del programma Sapienza Cares for the Carers (Sapienza C4C) mirato a fornire un primo supporto psicologico a tutti gli operatori sanitari degli Ospedali della Sapienza impegnati nella lotta al corona virus.

L'iscrizione è effettuabile solo dai coordinatori del corso e va richiesta a annamaria.giannini@uniroma1.it o a cristiano.violani@uniroma1.it

I documenti sono indicati come A*** se di studio per tutti, B** se di documentazione o approfondimento, *C se di lavoro, D se attinenti a normative,regolamenti

Tutti i materiali sono riservati ai partecipanti. Si raccomanda di non diffondere quelli prodotti per il progetto né di inoltrarli a terzi senza il consenso  degli autori.